Gelato industriale – Come leggere l’etichetta e scegliere il migliore

29 luglio 2014 10:411 commentoDi:

178369235

Il gelato è uno degli alimenti più tipici dell’estate e rispetto a questo prodotto l’offerta presente attualmente sul mercato è diventata sempre più ampia e varia. Si può infatti scegliere tra diversi tipi di gelato artigianale o industriale, ai quali fanno capo diversi valori nutrizionali e proprietà specifiche. Per il gelato artigianale la produzione parte sempre da ingredienti freschi e di prima scelta, ma anche per il gelato industriale ci sono ora delle regole ben precise da seguire. 

Consigli per una corretta alimentazione dei bambini

Quando si compra un gelato industriale è possibile quindi informarsi sulle sue proprietà nutritive leggendo l’etichetta, la quale deve riportare tutte le caratteristiche del gelato che stiamo comprando. L’Istituto del Gelato ha infatti stilato un codice di autodisciplina a cui devono attenersi tutte le industrie attive nel settore. L’etichetta nutrizionale sul gelato, tuttavia, sarà obbligatoria a partire dal 2016.

Tutte le calorie dello street food

Ecco quindi una serie di indicazioni per distinguere tra quelli di produzione industriale il gelato migliore, sulla base delle indicazioni emanate dall’IGI. Il gelato industriale deve contenere

  • il 6 per cento di proteine del latte
  • il 2,5 per cento di grassi del latte

mentre non deve contenere proteine e grassi di derivazione diversa da quella del latte. Le prescrizioni sono leggermente diverse per i gelati al latte o alla panna, che devono contenere panna, il 2,5 per cento di proteine del latte e l’8 per cento di grassi del latte.

Un gelato allo yogurt poi deve contenere il 40 per cento di questo alimento, mentre se la dicitura è con lo yogurt la percentuale scende al 20 per cento minimo.

Il gelato alla frutta, invece, deve contenere almeno il 15 per cento di frutta o polpa – ma non gli agrumi e la frutta esotica – mentre i sorbetti ne devono contenere il 25 per cento.

Tags:

1 commento

  • Un ingrediente nascosto del Gelato è l’Aria:
    da osservare che nei Gelati Artigianali è circa il 25% per i gelati di frutta e massimo 35% per creme. nel gelato industriale, è aria forzata, insufflata cioè tramite attrezzature, va oltre il 100%.Quindi aumento di volume. Questo serve anche per mantenerlo più morbido nel tempo.
    Per questo motivo c’è una netta differenza anche nel prezzo.
    Comunque è una discussione abbastanza lunga e complessa.
    Buona Estate a Tutti.
    Salvatore

Lascia una risposta