Giocattoli, ancora troppe irregolarità nella sicurezza

15 dicembre 2013 09:050 commentiDi:

giocattoli-cinesi

Ogni anno una importante istituzione americana pubblica il rapporto Trouble in Toyland, frutto di uno studio effettuato su un campione di giocattoli scelti tra quelli più a larga diffusione per testarne il grado di sicurezza per i bambini ai quali sono destinati.

Le leggi americane in fatto di sicurezza dei giocattoli sono diverse da quelle italiane e da quelle europee, ma lo studio ha messo in evidenza che, così come accade nel nostro paese, che sono ancora troppi i giocattoli in circolazione che possono mettere a rischio l’incolumità dei più piccoli.


I principali rischi associati all’acquisto di giocattoli, secondo il rapporto, sono tre: il rischio di venire a contatto con sostanze pericolose e potenzialmente mortali come antimonio, piombo, cadmio e ftalati; la presenza di piccole parti che potrebbero essere inferite o inalate e causare il soffocamento; e, in ultimo, il non rispetto per i limiti di decibel indicati per i giocattoli sonori.

Il rapporto consiglia di non acquistare giocattoli privi del certificato di garanzia nazionale e di prestare particolarmente attenzione alle indicazioni circa l’età indicata sulle confezioni. 

Anche in Italia il fenomeno è tristemente noto: secondo una delle ultime rilevazioni effettuate dal Ministero della Salute, il 28% dei giocattoli in circolazione nel paese non è certificato e quindi potenzialmente pericoloso per i bambini.






Tags:

Lascia una risposta