I cerotti non aiutano a smettere di fumare

10 gennaio 2012 09:100 commenti

Il vizio del fumo non è semplice da perdere, infatti in commercio possiamo trovare una serie di prodotti che servono per placare la dipendenza come cerotti, gomme, spray e pastiglie ma secondo un recente studio condotto dall’Harvard School of Public Health e dell’Università del Massachusetts di Boston sarebbero solo dei palliativi.

La ricerca dimostra che sui 787 fumatori quasi un terzo ha avuto una serie di ricadute nei periodi successivi alla decisione di smettere di fumare e nella maggioranza dei casi si trattava di soggetti che avevano acquistato prodotti sostitutivi o si erano rivolti ad un consulente medico.


la nicotina però offre anche un aspetto più positivo, infatti uno studio italiano condotto dall’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibfm-Cnr) di Milano-Segrate dimostra che questa sostanza è in grado di espandere la nostra memoria di lavoro, ossia il “magazzino” che ospita tutte quelle informazioni temporanee  che abbiamo appena appreso.La notizia è del tutto innovativa, infatti si sta studiando un modo per utilizzare questa preziosa sostanza come potenziale terapia per i deficit di questa funzione come nel caso del Parkinson e dell’Alzheimer, anche se si possono verificare delle limitazioni nei processi legati alla scelta e all’avvio del movimento del cervello umano.






Tags:

Lascia una risposta