I primi E.R. italiani – medici specialisti delle urgenze – arrivano nei pronto soccorso

4 agosto 2014 12:200 commentiDi:

pronto-soccorso

Chi non ricorda la fortunata serie TV americana che ha reso famoso George Clooney, quando ancora vestiva abiti da medico e percorreva corridoi di ospedale e sale operatorie? Stiamo parlando di E.R.Medici in prima linea, la serie tv che praticamente ha fatto conoscere la medicina d’urgenza al grande pubblico italiano. In America, infatti, sono più di quaranta anni che le urgenze più disparate possono contare su una apposita categoria di medici specialisti. 

Patto per la salute – Numero unico per le emergenze e ospedali di comunità

In Italia, invece, fino a qualche tempo fa questa disciplina ancora mancava e solo di recente, cioè negli ultimi 5 anni,  a partire dal 2009 alcuni atenei italiani hanno raccolto la sfida, facendo specializzare alcuni giovani laureati in medicina in medicina d’urgenza.


Classifica dei dieci migliori ospedali d’Italia

Così a partire dal 2014 anche l’Italia ha i suoi medici di urgenza, che hanno lo scopo di curare in fretta,a a volte anche sul posto, in caso di incidenti gravi, o sulle autoambulanze, traumi e malori che rischiano di finire in modo tragico se non si interviene in modo tempestivo.

Si tratta di una nuova categoria di medici pronti ad intervenire su molti casi limite, come infarti, traumi, fratture e crisi psicologiche, destinati a lavorare all’interno dei pronto soccorso degli ospedali d’Italia. Nel corso di quest’anno hanno conseguito il diploma i primi 82 specializzandi di questa particolare disciplina. Piano piano gli specialisti delle urgenze andranno sempre più a sostituire il personale ora presente, mutuato da altre branche e specializzazioni.

Secondo gli esperti quella della medicina di urgenza può essere di sicuro una specializzazione e un mestiere del futuro. L.e Regioni hanno infatti bisogno di circa 360 professionisti di questo tipo ogni anno e si prevede un aumento delle borse erogate a tale scopo.






Tags:

Lascia una risposta