Buffer

Il senso delle fobie

28 dicembre 2012 10:530 commentiViews: 161Di:

 

Le fobie sono paure incondizionate verso un oggetto, un animale o una situazione che mettono le persone che ne soffrono nel panico. Ci sono moltissime tipologie di fobie che riguardano paure identificate in moltissimi oggetti, animali o situazioni.

> L’origine della claustrofobia

Da quelle più conosciute e diffuse a quelle meno condivise dalle persone. Tra le più diffuse ci sono la claustrofobia, cioè la paura degli spazi piccoli o ristretti, l’agorafobia, che è al contrario la paura degli spazi troppo grandi, l’aracnofobia, la paura dei ragni ecc. Tra quelle meno diffuse ma comunque conosciute ci sono la micro fobia, cioè la paura degli oggetti piccoli, la gatofobia, la paura dei gatti ecc.

Il senso della fobia è quindi quello di una paura irrazionale verso un particolare stimolo esterno. Questo è però il senso apparente, mentre esiste un significato interiore o latente che molto spesso non è conosciuto dalla persona. Alla base di una fobia ci può essere una esperienza più o meno traumatica vissuta dalla persona. Una esperienza che può essere stata vissuta nell’infanzia, ma anche più tardi. Quello che succede è che la persona ha dimenticato l’esperienza mentre a livello psicologico la fobia rappresenta la traccia dell’esperienza stessa che è rimasta nella mente. Per superare una fobia bisogna quindi fare delle associazioni e arrivare al significato originario.

Tags:

Lascia una risposta