Home / Salute / In Massachusetts il primo trapianto di pene: operazione chiusa con successo

In Massachusetts il primo trapianto di pene: operazione chiusa con successo

Lui si chiama Thomas Manning e per colpa di un cancro aveva perso il pene. Per questo motivo si è sottoposto a un’operazione molto delicata, in Massachusetts, per tornare a essere come prima, come lui stesso ha dichiarato in un’intervista al New York Times. E così negli Stati Uniti è avvenuto il primo trapianto di pene, un’operazione durata 15 ore, ma che alla fine si è conclusa con successo. E adesso? Quali saranno le conseguenze di questo delicato intervento? La speranza è che il pene trapiantato del paziente 64enne funzioni regolarmente, ma c’è molto ottimismo a questo proposito. 

I medici che hanno effettuato il primo trapianto di pene negli Stati Uniti si sono infatti rivelati molto ottimisti su questa possibilità e a breve Manning potrebbe tornare a urinare regolarmente e soprattutto a riacquistare la funzione sessuale persa nel 2012, quando l’organo gli venne amputato a causa del cancro che lo aveva colpito. Ovviamente, per rendere ancora più positive le conseguenze del trapianto di pene, conterà notevolmente anche lo stato psicologico del paziente e il suo ottimismo in merito.

Gli obiettivi principali dell’operazione, come rivelato dallo stesso dottor Dicken Ko, si sono tradotti nella ricostruzione dell’organo genitale naturale, nel far tornare il paziente a urinare normalmente e nel ristabilimento del meccanismo sessuale. Il primo trapianto di pene negli USA prevedeva che sotto i ferri ci andasse un volontario e Thomas Manning è stato tra i primi a proporsi. Tuttavia l’operazione è stata agevolata dal fatto che solo parte dell’organo sessuale di Manning era stata rimossa, mentre i vasi e i nervi erano stati conservati.

L’intervento in questione fa parte di un progetto sperimentale con finalità nobili, che aiuta i veterani di guerra con lesioni pelviche, le vittime di incidenti gravi e ovviamente i malati di tumore all’organo sessuale. Lo stato di Manning è comunque pieno ottimismo e lo aiuterà sicuramente a riprendere le sue regolari funzioni: “Oggi inizio un nuovo capitolo pieno di speranza per me e per gli altri che hanno subito lesioni genitali. Spero che possiamo inaugurare un futuro luminoso per questo tipo di trapianti”, ha concluso Manning, felice.

 

Loading...