Integratori alimentari – I possibili rischi e danni per il fegato

10 settembre 2014 11:130 commentiDi:

farmaci 3

Sono sempre più diffusi tra gli sportivi e tra coloro che privilegiano una dieta sana ed equilibrata, ma anche tra coloro che hanno il pallino della vita attiva. Non c’è dubbio che tra i farmaci da banco e i rimedi fitoterapici, gli integratori alimentari, di origine chimica e naturale, siano oggi tra i prodotti oggi più richiesti. 

Rimedi naturali complementari contro i tumori

Eppure anche l’uso di queste sostanze apparentemente innocue e utili per la salute, può provocare danni al nostro organismo se non si scelgono le tipologie adeguate o se se ne fa un cattivo uso. Negli Stati Uniti, ad esempio, una recente ricerca ha dimostrato un anomalo aumento di danni epatici negli ultimi dieci anni, dovuti proprio all’assunzione di medicinali di diverso tipo, tra cui una porzione di integratori.

Come scegliere gli integratori alimentari da acquistare online

A fare le spese degli integratori sono soprattutto sportivi, uomini che assumono sostanze per il body building o altre discipline sportive, ma un netto aumento delle patologie è stato riscontrato anche tra le casalinghe che fanno uso di prodotti fitoterapici disintossicanti. I danni epatici, tuttavia, con il tempo possono portare a situazioni anche gravi, che conducono al trapianto o al decesso.

I problemi collaterali legati alla assunzione di questo tipo di integratori possono essere diversi. Per coloro che praticano sport assumendo integratori si può avere

  • ittero prolungato per oltre 90 giorni

mentre tra coloro che assumono i fitoterapici, ovvero dimagranti e disintossicanti, ma anche multivitaminici e energizzanti, le conseguenze possono essere anche estreme, cioè una compromissione della funzionalità epatica. In questo caso sono soprattutto donne di mezza età ad assumerli.

Un modo per evitare l’insorgere di rischi e danni per i fegato, tuttavia, in Italia, è quello di comprare prodotti italiani o europei certificati e regolare l’assunzione se avviene in concomitanza di altri farmaci.

Tags:

Lascia una risposta