La cannabis ad uso terapeutico sarà prodotta per la prima volta in Italia

5 settembre 2014 11:050 commentiDi:

cannabis

Per la prima volta sarà prodotta in Italia la cannabis ad uso terapeutico. E’ molto tempo che se ne parla, ma fino ad oggi lo stato non aveva ancora dato la sua approvazione ad un progetto sostenuto da migliaia di medici e pazienti. La notizia è stata data questa mattina da La Stampa, la quale ha precisato che sarà l’Istituto farmaceutico militare di Stato di Firenze a produrre la marijuana legale. 

Tutti i possibili utilizzi terapeutici della cannabis

I Ministri della Difesa e della Salute Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin hanno dato infatti la loro approvazione alla coltivazione della cannabis da parte dell’Esercito Italiano, attraverso gli stabilimenti dell’istituto chimico militare di Firenze che, nato verso la metà dell’800 per la produzione di farmaci destinati alle forze armate, si è poi riconvertito anche scopi civili.

La comunicazioni ufficiale da parte del Ministero della Salute, tuttavia, attualmente già impegnato nella stesura dei protocolli attuativi, arriverà solo nel corso del mese di Settembre.

Gli effetti della cannabis sulla salute

Lo scopo dello stabilimenti di Firenze sarà quindi quello di subentrare nella produzione nazionale dei farmaci a base di cannabis, che ora vengono acquistati dall’estero, sostenendo costi molto elevati. I farmaci contenenti cannabinoidi potrebbero essere di conseguenza disponibili nelle farmacie italiane a partire dal mese di gennaio 2015, qualora l’attuazione del progetto non incontrasse rallentamenti imprevisti.

Attualmente i farmaci cannabinoidi sono utilizzati per il trattamento di alcuni pazienti che necessitano di terapie contro il dolore, come i pazienti oncologici, i malati affetti da HIV, i malati di sclerosi multipla e di SLA. E proprio per favorire queste categorie di pazienti e per favorire l’estensione delle cure si è deciso di dare il via libera ad un produzione nazionale, controllata e monitorata da una struttura militare.

Tags:

Lascia una risposta