La tubercolosi può essere contratta anche dal gatto domestico

30 marzo 2014 16:020 commentiDi:

122571439

Arriva dal Regno Unito una notizia che ha sconvolto il mondo della medicina internazionale. E’ stato registrato in Inghilterra, infatti, il primo caso di contagio di tubercolosi tra gatto e uomo. La notizia è stata riportata da uno studio pubblicato su Veterinary Report, che ha ripreso un fatto denunciato dall’Autorità britannica per la Salute, la Public Health England, la quale ha registrato due casi di Tbc attiva, cioè rispondente alle cure, in due cittadini britannici, del Berkshire e dell’Hampshire, che vivevano con il loro gatto domestico purtroppo infetto. 

La notizia, oltre a riportare il primo caso al mondo scientificamente registrato di contagio gatto – uomo per questa malattia, è anche classificabile come un evento piuttosto raro. E’ vero tuttavia che negli animali il batterio che provoca la tubercolosi si ritrova in diversi sottogruppi e la trasmissione può avvenire in di versi modi.


Come avviene il contagio

Il contagio della tubercolosi dal proprio gatto domestico può infatti avvenire attraverso il respiro, l’ingestione e il contatto conferite aperte presenti sulla pelle. 

In Inghilterra, nel corso del 2013, ben nove gatti sono risultati colpiti dalla malattia e in due di questi, quelli citati in precedenza, c’è stata una trasmigrazione del batterio tra il felino e l’uomo. Altre due persone, inoltre, sono risultate positive ai testi per la tubercolosi latente, anche se non è certa una diretta correlazione con gli animali.

I batteri individuati in animali e padroni colpiti, tuttavia, hanno potuto confermare l’origine comune per la presenza dello stesso genotipo, particolare oggi verificabile a differenza del passato. Dal punto di vista strettamente clinico, tuttavia, gli scienziati sostengono che sarebbe in verità maggiormente possibile il passaggio inverso della malattia, ovvero da uomo a gatto, anche se gli animali potrebbero aver bevuto latte infetto.

Lo stesso tipo di fenomeno, secondo gli esperti, può verificare i anche con altri animali domestici come i cani.






Tags:

Lascia una risposta