Le cure per le cisti alla testa dell’epididimo

22 maggio 2014 16:190 commentiDi:

Medici 01

Le cisti alla testa dell’epididimo sono una patologia abbastanza frequente negli uomini e tenute sotto il dovuto controllo non devono affatto suscitare preoccupazione.

Queste cisti, infatti, non hanno alcun significato di tipo patologico e non danno luogo ad alcun tipo di degenerazione tumorale, cosa che nei pazienti potrebbe causare la massima sollecitazione.

Farmaci on line, come acquistare in tutta sicurezza

Le cisti che si formano alla testa dell’epididimo hanno infatti al loro interno un liquido di colore chiaro e per questo motivo se sottoposte a controllo attraverso ecografia risultano ipoecogene, cioè prive di echi e quindi più scure rispetto agli altri tessuti circostanti. Quanto alle loro caratteristiche possono raggiungere anche le dimensioni di 4 o 5 centimetri ma in genere rimangono abbastanza stabili nel tempo e si consiglia la rimozione per via chirurgica solo quando provocano eccessivi dolori o fastidi.

I benefici dell’ortica per l’ipertrofia prostatica

Quando invece la formazione attraverso l’ecografia appare come formata da materiale simile a corpuscoli allora si è in presenza di uno spermatocele.

Tale formazione è caratterizzata da una dilatazione di tipo aneurismatico della parte iniziale della via seminale, e contiene degli spermatozoi. Ad un controllo ecografico una formazione di questo tipo risulterà di colore molto più chiaro rispetto ai tessuti circostanti. È raro tuttavia che questa formazione possa causare dolori di qualche genere ed è  ancora più raro che questa formazione vada ad ostruire il tubulo dell’epididimo dalla quale ha origine.

L’asportazione per via chirurgica di uno spermatocele è invece un intervento piuttosto delicato che deve essere effettuato da mani esperte perché sopratutto nei giovani potrebbe essere causa di una minore fertilità in seguito ad una costruzione del dotto dell’epididimo.

Tags:

Lascia una risposta