Le malattie della tiroide in gravidanza – L’ipertiroidismo

31 maggio 2014 16:200 commentiDi:

pancia-gravidanza

In un post pubblicato prima di questo abbiamo visto che spesso le donne in gravidanze sono solite soffrire anche di problemi alla tiroide. Una della patologie più diffuse in queste circostanze è l’ipotiroidismo, patologia che richiede una serie di attenzioni aggiuntive ma può essere tranquillamente superata sotto controllo medico. 

Una patologia più silenziosa, invece, è l’ipertiroidismo, che si manifesta in un numero ancora minore di casi, ma può portare conseguenze più gravi che nel primo caso. Tra queste si possono infatti identificare

  • l’aborto spontaneo
  • la ridotta crescita del bambino
  • il parto prematuro
  • difetti fisici nel bambino
  • alterazione dei livelli ormonali.

Quali sono le principali patologie della tiroide?


L’ipertiroidismo in gravidanza è in genere causato dalla presenza di una seconda malattia, la malattia di Graves, che consiste in una alterazione del sistema immunitario in base alla quale gli anticorpi attaccano la tiroide intervenendo con il suo funzionamento e facendo produrre più ormoni del necessario.

Per diagnosticare la presenza dell’ipertiroidismo in gravidanza si deve appurare la presenza di sintomi quali

  • eccessiva sudorazione
  • vomito
  • tachicardia
  • sensazione di calore

sintomi che purtroppo possono essere confusi con quelli di una generica gravidanza. Sono ad esempio oggetto di indagine le pazienti con battiti al di sopra dei 100 al minuto con la tendenza a perdere peso.

Le malattie della tiroide in gravidanza – L’ipotiroidismo

La cura tipica per le donne che soffrono di ipertiroidismo in gravidanza è la somministrazione di farmaci antitiroidei così come avviene in tutti gli altri casi della malattia, anche se il dosaggio in tale contesto è ai livelli minimi. Solo in casi particolari, tra cui quello di allergia ai principi attivi del farmaco, si può pensare ad una asportazione chirurgica della ghiandola.






Tags:

Lascia una risposta