Le sigarette elettroniche sono farmaci

28 dicembre 2012 12:130 commentiDi:

Ancora pesanti dubbi gravano sull’effettiva utilità delle ormai famigerate sigarette elettroniche. L’ultimo verdetto è stato emesso in questi giorni dall’Istituto Superiore di Sanità, che ha presentato al ministro della Salute Renato Balduzzi una relazione di venti pagine sulla questione.

Secondo gli esperti dell’Istituto le sigarette elettroniche non dovrebbero essere considerate dei prodotti del tabacco, ma dei veri e propri farmaci, cioè dispositivi medici, e come tali andrebbero dunque regolamentate. Non esistendo al momento studi scientifici che dimostrino la loro effettiva efficacia come metodo per la dissuefazione dalla dipendenza dal fumo, le sigarette elettroniche, soprattutto quelle alla nicotina, rappresentano, al contrario, un rischio di iniziazione al tabacco per i più giovani, che le reperiscono facilmente attraverso la rete.

> Vietate le sigarette elettroniche ai minori di 16 anni

Le sigarette elettroniche potrebbero dunque riattivare nei consumatori l’abitudine al fumo e l’unico vantaggio che forse ad oggi è possibile attribuirgli è quello nei confronti della riduzione dei danni da fumo passivo, dal momento che non vi è una vera combustione e le emissioni sono a base di vapore acqueo. Ma siamo poi così sicuri che anche la glicerina non abbia effetti a lungo termine su chi si trova ad inalarla?

Sigarette elettroniche ancora poco studiate

Secondo l’Istituto, dunque, le sigarette elettroniche dovrebbero essere trattate come medicine a tutti gli effetti come avviene in molti altri Paesi e i potenziali effetti dannosi per la salute andrebbero indicati al consumatore sulla confezione.

Tags:

Lascia una risposta