Home / Salute / Le sostanze nocive presenti nei vestiti e negli oggetti di casa

Le sostanze nocive presenti nei vestiti e negli oggetti di casa

ricerca

Viviamo completamente immersi in sostanze potenzialmente nocive per il nostro organismo e la salute umana. Senza neanche accorgercene, o meglio senza averne consapevolezza, infatti, ogni giorno attraverso i mobili delle nostre case, gli oggetti, i giocattoli, i prodotti chimici per la pulizia e i vestiti che indossiamo entriamo in contatto con centinaia di sostanze potenzialmente pericolose per l’uomo, le quali sono in grado di scatenare gravi reazioni allergiche nel nostro corpo. 

> Il ruolo dell’inquinamento nella genesi delle malattie autoimmuni

Le sostanze pericolose sono quelle responsabili del cosiddetto inquinamento indoor, che si consuma tra le mura domestiche e può essere causa anche di reazioni gravi e decessi. Secondo l’OMS, infatti, ogni anno 4,3 milioni di decessi al mondo avvengono per tali cause. Nei casi più lievi, invece, l’inquinamento domestico è responsabile di reazioni come irritazioni, sintomi respiratori acuti, iper-reattività bronchiale, infezioni respiratorie e sensibilizzazione allergica.

> Cos’è la sindrome della sensibilità chimica multipla (MCS)

Una delle sostanza più nocive che si trovano spesso nelle abitazioni è al formaldeide, considerata tra gli agenti cancerogeni di tipi 1. Nei bambini può far insorgere l’asma infantile. Tale sostanza è responsabile di tumori al naso e alla faringe, ma anche all’insorgenza delle leucemia mieloide.

Altra sostanza particolarmente presente nelle abitazioni è il benzene, le cui concentrazioni tendono ad aumentare nelle case dei fumatori. Anche il benzene è incluso tra gli agenti cancerogeni di tipo 1. Persino gli indumenti che mettiamo ogni giorno e in particolare i costumi da bagno possono essere veicolo di sostanze pericolose. Nei vestiti si trovano infatti acido perfluorottanico, ftalati – questi ultimi presenti anche nei giocattoli – e nonilfenoli etossilati.

La lista può poi continuare con le sostanze acide e alcaline dei numerosi detersivi che si usano per la pulizia domestica, che sarebbe meglio sostituire con prodotti naturali.