Le tecniche di diagnosi del melanoma

3 agosto 2013 10:580 commentiDi:

Medici 01

Prima di rivelarsi come “melanoma“, il tumore della pelle si può confondere con una delle numerose macchie che si trovano sull’ epidermide. Non sempre, infatti, le pigmentazioni della cute nascondono dei melanomi, ma spesso possono essere anche il risultato di processi infiammatori di diverso genere in fase di risoluzione.

Gli stadi del melanoma

E’ appunto compito del dermatologo distinguere una semplice macchia della pelle da eventuali tumori e per farlo vi sono oggi delle tecniche diagnostiche non invasive che evitano al paziente di sottoporsi a più complessi ed invasivi esami istologici.

> La diffusione del melanoma

Fra queste metodiche non invasive vi è, ad esempio, la dermatoscopia – epiluminescenza, che viene usata per l’ individuazione di un eventuale melanoma, ma anche per altri tipi di diagnosi, poiché fornisce un inquadramento complessivo della macchia.

Una seconda tecnica che viene utilizzata nella diagnosi del tumore della pelle è poi la microscopia confocale, che permette la visualizzazione in tempo reale della struttura della pelle e consente di realizzare una sorta di biopsia virtuale, senza però la necessità di sottoporsi ad un esame istologico.

Questo tipo di esame non invasivo è oggi usato per approfondire l’ analisi di nei, ma anche per il monitoraggio del melasma e delle altre pigmentazioni cutanee post – infiammatorie.

Tags:

Lascia una risposta