Mal d’autunno provoca disturbi psico-fisici

1 novembre 2012 22:330 commenti

La stagione autunnale viene generalmente considerata una delle migliori dell’anno grazie al clima mite e a temperature piuttosto gradevoli senza eccessivi sbalzi termici, ma porta con sé quello che viene definito il cosiddetto mal d’autunno, facendo riaffacciare anche i disturbi dell’organismo legati al cambi stagionale.

Fra i sintomi più diffusi legati al cambio stagionale ci sono certamente le sindromi depressive legate al passaggio dall’estate all’autunno. Molti individui accusano anche stanchezza mattutina, sintomi legati alla pressione bassa, insonnia, debolezza nelle gambe, mancanza di concentrazione e malumore.

Insomma si tratta di una serie di sintomi di un malessere generale causato dal cambio stagionale e che si traduce nell’alterazione dell’equilibrio psico-fisico. Fra i fattori che incidono di più sui disturbi stagionali c’è sicuramente la progressiva riduzione delle ore di luce, ma per poter affrontare al meglio il cambio stagionale ci sono però dei piccoli accorgimenti da seguire.

Il consiglio degli esperti è di rispettare gli orari di lavoro e di concedersi piccole pause nell’arco della giornata per ricaricarsi. È utile anche essere fisicamente attivi e praticare sport, perché, paradossalmente, l’inattività tende ad aumentare il senso di stanchezza. Ottimo dedicarsi a qualche hobby cercando di ritagliarsi qualche momento di libertà e curare le relazioni sociali non isolandosi dagli altri.

Consigliabile assumere degli orari abbastanza regolari andando a dormire e svegliandosi alla stessa ora, consumare un pasto leggero soprattutto la sera prima di prendere sonno. Per combattere la sensazione di stanchezza è bene evitare di fumare troppo o di assumere té, caffè o cioccolata in eccesso visto che si tratta di alimenti che contengono sostanze eccitanti e controproducenti con effetti momentanei che tendono ad esaurirsi nell’arco di un breve lasso di tempo.

È consigliabile anche aumentare il consumo a tavola di cereali integrali, vegetali a foglia verde, limoni, miele. 

Tags:

Lascia una risposta