Malasanità, in Italia ancora 90 denunce al giorno

16 novembre 2013 14:090 commentiDi:

ospedale

In Italia il problema della malasanità non accenna ad avviarsi verso una soluzione. I dati resi noti dall’Ania, Associazione nazionale imprese assicuratrici, mette in luce una realtà ancora drammatica: nel 2011 ci sono state 31.500 a carico di medici e strutture ospedaliere, pubbliche e private, per una media di circa 85 al giorno.

Un numero ancora troppo alto, nonostante si sia evidenziato un calo del 6,7% rispetto al 2010.


Un tale numero di casi di malasanità – anche se i medici specificano che la maggior parte delle denunce dei pazienti finisce poi con una archiviazione – ha degli effetti ad ampio raggio sul sistema nel suo complesso. IL Sistema Sanitario Nazionale, infatti, si trova a sostenere un costo molto alto.

In sede  legale, infatti, medici e specialisti richiedono molti esami per accertare l’eventuale dolo:questo costo, sommato a quello per l’eventuale risarcimento per il paziente, diminuisce i servizi a disposizione dei pazienti stessi e la loro qualità.

Le denunce per malasanità, però sono anche il segno che i pazienti hanno acquisito una maggiore consapevolezza delle cure che gli vengono somministrate e dei loro diritti, fenomeno che si sta manifestando in tutti i paesi industrializzati.






Tags:

Lascia una risposta