Nessun rischio d’ abuso di farmaci oppiacei in Italia

11 agosto 2013 09:340 commentiDi:

farmaci 3

Negli ultimi mesi i media internazionali hanno sollevato più volte il problema dell’ abuso di farmaci oppiacei in alcune nazioni del mondo, tra cui gli Stati Uniti, in cui l’ accesso ai farmaci è molto più semplificato rispetto ad altri  Paesi.

In America, in effetti, questo rischio esiste a causa delle modalità di vendita dei prodotti farmaceutici: anche la vendita di quelli a base di oppio viene concessa attraverso canali di distribuzione come i drugstore o i negozi online.

L’uso corretto degli antidolorifici


In Italia, invece, la vendita dei farmaci oppiacei è regolata da una serie di norme piuttosto rigide che ne impediscono la prescrizione in alcune circostanze. Per il nostro Paese, di conseguenza, non è possibile parlare dell’ esistenza di un rischio da abuso di farmaci il cui principio attivo è basato su oppiacei.

Come agiscono gli antidolorifici

In Italia, al contrario, si verifica in genere il problema inverso. Il nostro è uno dei pochi Paesi al mondo in cui il consumo dei farmaci oppiacei per la gestione del dolore è inferiore alla media. I farmaci oppiacei vengono di norma prescritti e utilizzati solo per il trattamento degli stati dolorosi di elevata entità. Gli oppiacei, tuttavia, sono medicine essenziali per alleviare la sofferenza e vengono riconosciute per scopi medico – scientifici anche dalle Convenzioni Internazionali sui Narcotici e le Sostanze Psicotrope.






Tags:

Lascia una risposta