Niente sale nella dieta del bambino

22 giugno 2013 11:480 commentiDi:

bambino malatoI pediatri italiani, che si sono riuniti nell’ annuale congresso nazionale di pediatria organizzato a Bologna dalla SIP – la Società Italiana di Pediatria, appunto – hanno sottolineato la grande importanza rivestita, nell’ alimentazione dei bambini, da scelte alimentari corrette.

> Le tappe alimentari dello svezzamento

Il bambino, infatti, non deve essere mai considerato sotto il profilo alimentare come un piccolo adulto, anche in tempi in cui la recessione impone scelte sulla spesa.

Prevenire l’obesità infantile


Uno degli alimenti da evitare con maggiore cura, nell’ alimentazione dei bambini, è, ad esempio, il sale. Il sale è un alimento oggi molto presente nei cibi, ma che può provocare rischi per la salute, sia in età adulta, come noto, sia in età infantile. E’ bene quindi tenere sempre sotto controllo i livelli di questo alimento.

La razione giornaliera raccomandata fino ai 12 mesi sarebbe quella di 400 mg al giorno. Un bambino troppo esposto al sodio nei primi mesi di vita, ha rilevato l’ Organizzazione Mondiale della Sanità, ha più probabilità di soffrire di ipertensione in età adulta.

Altri studi scientifici, invece, hanno dimostrato come la razione giornaliera di sodio nell’ alimentazione dei bambini sia oggi molto alta, più alta dell’ RDA. Per questo motivo l’ OMS ha emesso nuove linee guida, che suggeriscono di adattare le quantità di  sodio a peso, altezza e stile di vita del bimbo.

 






Tags:

Lascia una risposta