Nuova tecnica chirurgica per il neurinoma dell’acustico

27 novembre 2012 16:210 commentiDi:

Gli otorini del Policlinico Universitario delle Scotte di Siena hanno annunciato nei giorni scorsi di aver messo a punto una nuova tecnica chirurgica per rimuovere il neurinoma dell’acustico, una forma benigna di tumore dell’orecchio. Si tratta di una patologia piuttosto rara, ma che può avere conseguenze anche letali se non individuata e asportata quando è ancora di piccole dimensioni.

I neurinomi sono masse tumorali che si sviluppano a livello intracranico e che possono provocare gravi alterazioni dell’udito e dell’equilibrio, nonché danni al funzionamento dei nervi che presiedono ai movimenti facciali, all’articolazione dei suoni e alla deglutizione. In Italia l’incidenza di questo tipo di patologia è molto bassa ma è comunque importante non sottovalutare i possibili sintomi.


Sintomi tipici di questa malattia sono ad esempio l’avvertimento di un fischio o di un ronzio prolungato (acufene), la riduzione della capacità uditiva, la presenza di vertigini o disturbi dell’equilibrio. Gli otorini consigliano quindi di sottoporsi ad una visita specialistica ed ad una eventuale risonanza magnetica, ma solo dietro consulto medico, qualora si avvertisse qualcuno si questi sintomi.

Le terapie possibili per questo tipo di patologia sono in genere due: la radioterapia e l’asportazione chirurgica. La prima mira a fermare la crescita del tumore, la seconda ad eliminarlo definitivamente. In entrambi i casi tuttavia la diagnosi precoce rappresenta il metodo migliore per far fronte al problema.






Tags:

Lascia una risposta