Nuovo virus simile alla Sars in Gran Bretagna

25 settembre 2012 10:230 commenti

Sono in molti a non aver dimenticato la Sars, la malattia respiratoria acuta causata da un virus e che nel 2002 provocò la morte di circa 800 persone in Cina, creando anche in Italia un elevato livello di allarmismo, anche se per fortuna non si verificò all’epoca nessun caso mortale nel nostro Paese. Questa volta però la questione potrebbe riguardarci più da vicino.

Un nuovo virus della stessa famiglia della Sars è stato infatti individuato in Gran Bretagna in un uomo che aveva viaggiato in Arabia Saudita e in Qatar, un episodio che ha già contribuito a creare allarmismo nel nostro Paese, soprattutto in considerazione del fatto che questa volta il virus si è manifestato la prima volta proprio in Europa, anche se in un soggetto che probabilmente lo ha contratto durante un soggiorno all’estero.

A confermare la notizia è stata la stessa Organizzazione mondiale della sanità (Oms), la quale ha spiegato che, trattandosi di un nuovo coronavirus, i medici e i ricercatori sono attualmente al lavoro per ottenere ulteriori informazioni necessarie a determinare le possibili implicazioni sulla salute pubblica. Nonostante questo, tuttavia, dall’organizzazione non è arrivata alcuna raccomandazione in tema di restrizione sui viaggi.

L’uomo in cui è stato riscontrato il nuovo virus mostrava una sindrome respiratoria acuta e insufficienza renale. A fronte di tali sintomi si è rivolto per la prima volta ai medici il 3 settembre in Qatar, dopo avere soggiornato in Arabia Saudita. Il 7 settembre è stato ricoverato presso un’unità di terapia intensiva a Doha, mentre l’11 settembre è stato trasferito via aeroambulanza in Gran Bretagna, dove l’Health Protection Agency (Hpa) ha condotto test di laboratorio confermando la presenza di un nuovo coronavirus. L’Organizzazione mondiale della sanità ha precisato che i coronavirus sono un’ampia famiglia virale nella quale rientrano microrganismi all’origine di una vasta gamma di patologie, dal comune raffreddore fino ad arrivare alla Sars.

Tags:

Lascia una risposta