Perché si inizia a fumare in adolescenza

30 dicembre 2012 14:040 commentiDi:

 

 

 

Molti fumatori hanno fumato la loro prima sigaretta nel periodo dell’adolescenza. È lì che si inizia a fumare e a prendere un vizio che con il tempo diventa una schiavitù e poi sempre più un rischio per la salute. Il problema delle sigarette è che non si vede subito che fanno male e in seguito potrebbe essere tardi e subire gli effetti di questa non salutare abitudine.

> Perché si fuma?


I motivi per cui si inizia a fumare in adolescenza sono collegati alla fase di vita particolare. In questa fase, infatti, si hanno due istanze psicologiche principali che sono molto importanti: la ricerca dell’identità e dell’autonomia. La sigaretta quindi può avere il significato sia di ribellione sia di organizzazione della propria identità.

In particolare, la sigaretta può essere uno strumento per entrare in contatto con gli altri e comunicare. L’identità in questo periodo della vita si stabilisce anche attraverso il gruppo e quindi la sigaretta può essere un mezzo che lega i giovani, come un rito da condividere. È anche una comunicazione perché permette uno scambio relazionale e una sorta di appartenenza la gruppo.

La ricerca dell’autonomia è un altro elemento fondamentale di questa età. Gli adolescenti sfidano spesso i genitori per cercare di capire fino a che punto possono spingersi e fumare può essere un comportamento di ribellione che mostra la propria identità diversa da quella dei genitori.






Tags:

Lascia una risposta