Prevenire il diabete con la curcuma

1 agosto 2012 08:510 commenti

Secondo una ricerca dell’Università di Srinakharinwirot, in Thailandia, e pubblicata sulla rivista Diabets Care, una dose giornaliera di curcuma aiuterebbe a prevenire il diabete nei soggetti a rischio, ossia in quelle persone considerate in stato pre-diabetico in quanto presentano un livello anomalo di zuccheri nel sangue e che ben presto potrebbe trasformarsi in un diabete di tipo 2.

Nell’ambito di tale ricerca sono stati studiati 240 adulti in stato pre-diabetico per un periodo di nove mesi. In quest’arco temporale, in particolare, una parte di queste persone ha assunto un placebo, mentre la restante parte 250 milligrammi di curcuminoidi al giorno.  Trascorsi i nove mesi, 19 dei 116 pazienti a cui era stato dato un placebo hanno sviluppato il diabete di tipo 2, mentre nel gruppo che aveva assunto curcuma nessuno si è ammalato di questa patologia.


Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio, dunque, i curcuminoidi  avrebbero effetti anti-infiammatori sulle beta-cellule del pancreas che rilasciano l’insulina, l’ormone che regola il livello di zuccheri nel sangue. Alla luce dei risultati di questa ricerca, Somlak Chuengsamarn, che ha condotto lo studio, ha suggerito la possibilità di usare un estratto di curcuma come terapia nella popolazione prediabetica.

La curcuma, ricordiamo, è utilizzata come pianta medicinale e come spezia. In quest’ultima forma presenta un colore giallo dorato e costituisce l’ingrediente principale del curry. In base ad alcuni studi è utile a combattere l’insorgenza di diverse tipologie di tumori, inoltre viene utilizzata nella medicina tradizionale cinese e indiana come disintossicante dell’organismo e come antinfiammatorio.






Tags:

Lascia una risposta