Pronto soccorso a 4 zampe: parte da Firenze il 118 per animali

Sarà Firenze la prima città italiana ad avere un centralino unico a cui rivolgersi per chiedere l’intervento di una unità di soccorso per gli animali che siano rimasti vittime di incidenti stradali. Ad annunciare l’importante iniziativa è stato il governatore della Toscana Rossi che ha anche comunicato che il progetto del 118 per gli animali, dopo la fase di test a Firenze, sarà progressivamente esteso fino ad inglobare tutta la Toscana. La Regione, quindi, si conferma all’avanguardia per tutto quello che riguarda la cura degli amici 4 zampe.

Il 118 per animali non prevede l’intervento di tipo domestico ma solo il soccorso per quei cani o quei gatti che vengono investiti sulle strade e poi sono lì abbandonati ad una morte lenta e inesorabile. Lo schema di azione del pronto soccorso per animali è simile a quello del normale 118. Dopo il primo contatto, infatti, viene inviata sul posto una unità medica che provvederà a soccorrere l’animale ferito prestando le prime cure. In tutti i casi è previsto, poi, che l’animale ferito venga accompagnato in una struttura per la degenza. Si può trattare, ha anticipato la Regione Toscana, sia di ambulatori veterinari pubblici che strutture di volontariato. Proprio i volontari saranno la spina dorsale di questo nuovo importante progetto. La loro presenza, infatti, è prevista anche a bordo di mezzi di soccorso. La Regione Toscana da parte sua, metterà a disposizione la linea per il contatto e chiaramente il personale che è chiamato a rispondere. Nella prima fase di sperimentazione a rispondere saranno i vigili urbani di Firenze ma è stato già anticipato che successivamente questa incombenza sarà compito di altre figure.

Il servizio parte in questi giorni su Firenze per poi essere esteso dall’1 gennaio in tutta l’Area Vasta centro che comprende Firenze, Empoli, Prato, Pistoia e quindi diventare regionale a partire dall’1 luglio. La fase di test terminerà alla fine del 2016 quando ci sarà un bilancio sull’intervento.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *