Punire i bambini?

22 novembre 2012 21:170 commentiDi:

Educare un bambino non è facile. Lo sanno le mamme che passano il loro tempo a stargli dietro e a cercare di capire qual è il modo giusto di comportarsi. Se l’educazione è molto cambiata negli anni, divenendo meno severa, la punizione è rimasta. Una volta c’erano le punizioni corporali e una certa rigidità educative che, per fortuna, sono state culturalmente superate.

La punizione, però, deve essere applicata bene per avere una valenza educativa, altrimenti è del tutto inutile.
Non deve essere violenza e non deve basarsi su toni eccessivi. Una punizione per essere utile deve mostrare al bambino il comportamento sbagliato e indicare la strada giusta, cioè il comportamento corretto. Infatti, punire è basta non è educativo. Punire e solo la prima fase, poi è necessario far capire al bambino quali sono i comportamenti giusti che ci si aspetta da lui.
L’importante è non essere rigidi. Le punizioni vanno applicate quando effettivamente il bambino ha manifestato comportamenti non evolutivi e non educati. Se il lavoro della mamma è difficile, lo è soprattutto perché bisogna fare anche i conti con lo stress e le difficoltà della vita quotidiana. Bisogna però avere la forza di lasciare tutto questo fuori dal rapporto con il bambino.

 

Tags:

Lascia una risposta