Questa notte arriva l’ora solare e si riduce il rischio di infarti

26 ottobre 2013 15:050 commentiDi:

ora solare1

Prima di mettervi a letto puntata la sveglia alle ore 3, giusto per provare il brivido di svegliarsi nel cuore della notte e di spostare le lancette dell’orologio un’ora indietro, riposizionandole nuovamente sulle 2, e dormire un’ora in più.

Stanotte, infatti, torna l’ora solare, con la quale conviveremo per circa 5 mesi, fino al 30 marzo 2014 quando arriverà nuovamente l’ora legale.

Grazie a questo spostamento di orario, ora che si va incontro all’inverno e che le ore di luce sono di meno rispetto all’estate, si riesce a sfruttare maggiormente la luce naturale nelle prime ore del giorno, anche se poi farà buio molto prima a quanto siamo abituati.


A differenza dell’ora legale, però, sempre che il passaggio all’ora solare faccia bene sia all’umore che alla salute. Secondo i medici internisti riuniti a Roma per il 114° Congresso nazionale della Società italiana di medicina interna (Simi), infatti, il prossimo lunedì, e quelli a seguire, ci saranno meno infarti rispetto al solito.

Oltre al fatto che si dorme un’ora in più, il ritorno all’ora solare fa sì che si torni a dormire nelle ore più consone ai ritmi del nostro orologio interno, con la conseguenza che si riducono di molto i fattori di stress per il corpo che sono alla base dell’insorgenza degli infarti e delle altre patologie a carico del sistema cardiovascolare.






Tags:

Lascia una risposta