Raggi solari: pericolosa è anche l’incubazione della luce

Esporsi al sole con prudenza e proteggendo la pelle: ormai questa regola di precauzione dovuta alla pericolosità dei raggi UV è, speriamo, nota a tutti. Ma una nuova ricerca ha messo in risalto ancora più preoccupante: la luce solare, sia quella naturale che quella delle lampade abbronzanti, continua a danneggiare la pelle anche dopo l’esposizione diretta. Quindi, il fatto di essersi allontanati dalla fonte di luce non significa nulla quanto interviene anche nelle fasi successive una sorta di incubazione del danno.

Lo studio è stato condotto presso la Yale University (Usa) e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science. In breve e riassumendo senza entrare nei dettagli troppo tecnici, i raggi ultravioletti che penetrano sulla pelle sono in grado di attivare una reazione nei melanociti, ovvero le cellule della pelle che regolano l’abbronzatura, che danneggia il Dna anche fino a tre ore dopo l’esposizione. Come si è arrivati a questa conclusione? Gli studiosi hanno esposto i melanociti di uomini e di topi alle radiazioni di una lampada Uv, che ha prodotto uno specifico danno al Dna, noto come cpd, che di fatto impedisce che le informazioni contenute siano lette in modo corretto. Più nello specifico quello che i ricercatori hanno potuto constatare è che i melanociti coinvolti provocano danni anche fino a tre ore dopo l’esposizione diretta ai raggi. A livello tecnico la spiegazione del fenomeno è che la luce Uv innesca due enzimi che si combinano insieme per attivare un elettrone nella melanina. L’energia nociva innescata da questo processo viene trasferita al Dna quando si sta al buio, causando così lo stesso meccanismo del danno che si produce quando si e’ esposti alla luce solare. A cosa serve questa ricerca e in che modo ci si può proteggere da questo ulteriore e prolungato danno dei raggi solari? Il prossimo passo potrebbe essere quello di brevettare creme solari in grado di proteggere la pelle anche da questa energia “nociva” ex post.

PERCHE’ I RAGGI UV FANNO MALE?

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *