Rallentare l’invecchiamento con le cellule staminali

4 gennaio 2012 15:570 commenti

Ritardare il processo di invecchiamento per vivere più a lungo è sicuramente il sogno nascosto di tante persone e anche una delle sfide più ambiziose condotte dai ricercatori di tutto il mondo. Secondo degli studi fatti da un gruppo della University of Pittsburgh School of Medecine è stato provato che rallentare il processo di invecchiamento è possibile grazie all’aiuto delle cellule staminali.

La ricerca è stata condotta su un gruppo di topolini, a cui era stata causata geneticamente la progeria, ossia una malattia che favorisce l’invecchiamento delle cellule e porta ad una morte relativamente breve. Il team guidato da Jhonny Huard e Laura Niedernhofer ha scoperto che prelevando cellule staminali dai muscoli di alcuni esemplari giovani e sani e iniettandole nei topi malati si riusciva ad allungarne la vita in modo significativo, infatti è stato riscontrato che i topi malati sono riusciti a sopravvivere 66 giorni contro il 28 previsti.

Il risultato è davvero eccezionale, perché il trapianto di cellule staminali ha permesso agli esemplari malati di poter vivere tre volte più a lungo e questo potrebbe essere un dato significativo se fosse possibile utilizzare questa tecnica sul genere umano. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications, dove la Dottoressa Niedernhofer ha spiegato che visti i risultati sorprendenti ci deve essere una correlazione tra l’iniezione di staminali, la crescita di nuovi vasi sanguigni e la possibilità di poter vivere più a lungo.

Tags:

Lascia una risposta