Ridere calma il dolore

21 settembre 2011 15:070 commenti

Ridere è una reazione emotiva benefica. La risata libera molecole neurali che sono naturali analgesici. 

La risata “vera”,  la cosiddetta a “squarciagola” non è soltanto contagiosa, ma è dimostrato da tempo che è vantaggiosa per il nostro morale, per il nostro benessere, in poche parole per la nostra salute. 

Un recente studio basato sulla metodologia “maligna”, sembra confermare la sua importanza, in particolare sulla percezione del dolore e soprattutto sul modo in cui agisce biologicamente. 

“Periodi regolari trascorsi a ridere deviano la concentrazione del dolore, migliorano l’elasticità muscolare ed abbassano la pressione arteriosa„, scrivono medici svizzeri. 

Mentre ricercatori britannici hanno seguito una serie di esperienze, in laboratorio e all’esterno, per chiarire la biochimica della risata. In una di queste sono stati analizzati 15 donne e 20 uomini, a gruppi. 

Di queste persone, alcune sono state sottoposte alla visione di film comici altre di documentari. Durante la proiezione dei filmati, i gruppi di studio sono stati quindi sottoposti ad una serie di piccoli disagi: il contatto con una mattonella del ghiaccio per raffreddare gli alimenti (-16°)  per un massimo di 3 minuti, o un laccio emostatico legato molto stretto.


Risultato, a coloro che osservavano la ripresa comica è stata riscontrata una sofferenza del 10% in meno rispetto agli altri (su una scala di valutazione del dolore). 

Un’altra prova è stata effettuata anche all’uscita delle sale cinematografiche. Alcune persone assistevano ad uno spettacolo umoristico, altre ad uno drammatico. Quindi venivano sottoposte a determinate sofferenze, come: simulare la posizione seduta con la parte posteriore appoggiata ad una parete, come se ci fosse realmente una sedia. Anche in questo caso coloro che ridevano resistevano molto di più rispetto agli altri. 

Produzione di endorfine  

I ricercatori hanno trovato un legame tra il livello di endorfine nel cervello, soprattutto di beta-endorfina, note per essere antidolorifici naturali,  con il fatto di ridere e il grado di sensazione del dolore.  

Conclusione: un quarto d’ora di “vera” risata aumenta la nostra soglia di tolleranza al dolore del 10%. Il ridere sarebbe dunque all’origine della produzione di endorfine. Un effetto biologico che supera tutti gli altri benefici, come il rilassamento muscolare e la socializzazione. 

Tale ricerca consoliderà i membri delle varie  associazioni come il “Dottor sorriso”, che con abiti da pagliaccio si recano presso gli ospedali pediatrici ed operano per la distrazione ma anche per il benessere dei pazienti, in primo luogo dei bambini. 

Allora prendiamo seriamente il dolore, ridiamo e cerchiamo di far ridere! 

Ultimo aggiornamento 21 settembre  2011 ore 17,10






Tags:

Lascia una risposta