Ritrovare la memoria grazie ai profumi del nostro passato

15 novembre 2012 13:080 commentiDi:

Gli odori per far tornare i ricordi. E’ proprio su questo concetto di proustiana memoria che si basano le terapie riabilitative dell’ospedale Raymond Poincaré di Garches, in Francia, che da dodici anni utilizza la straordinaria potenza dell’olfatto per aiutare a ritrovare la memoria i pazienti che hanno subito gravi traumi o patologie cerebrali, come ictus o emorragie.

L’intuizione di utilizzare l’olfattoterapia come cura in caso di perdita di memoria è venuta al Dott. Bernard Bussel, direttore dell’unità di riabilitazione neurologica dell’ospedale di Garches ora in pensione, lavorando al caso di un paziente uscito dal coma. Secondo il neurologo, infatti, l’olfatto è il mezzo più adeguato per suscitare i ricordi che i pazienti non possono raggiungere tramite le immagini o il linguaggio, perché più collegato alla sfera emozionale.

La terapia è quindi nata da una collaborazione con il CEW France (Cosmetic Executive Women), un’associazione non profit di dirigenti del settore cosmetico, che ha suggerito di iniziare a stimolare i pazienti attraverso gli odori a loro più familiari, come quelli di sapone e dentifricio.

Grazie anche al supporto dato dall’IFF (Internarional Flavour and Fragrances), azienda leader a livello mondiale nella produzione e creazione di profumi e aromi alimentari, i neurologi di Garches possono oggi disporre di 180 odori appositamente elaborati, legati alla natura, agli alimenti e ai ricordi d”infanzia, con cui sviluppare, a seconda dei casi, una terapia mirata.

Tags:

Lascia una risposta