Sanremo, muore a 41 anni per complicanze dovute al morbillo

Il morbillo torna a mietere vittime la scorsa notte del 6 gennaio e deceduto Alessandro grosso un uomo quarantunenne di Sanremo. Ad ucciderlo è stata una forma giuridica del morbillo. L’uomo si era recato all’ospedale il 5 gennaio in condizioni disperate. Dopo essere stato ricoverato, la sua salute è peggiorata drasticamente. Immediatamente i sanitari del reparto hanno portato l’uomo in rianimazione che si trova nel reparto malattie infettive. Dirigente della Asl, Laura Garibotti, ha comunicato che nelle prossime ore l’uomo deceduto verrà sottoposto ad autopsia per verificare i motivi del decesso.

Proprio nelle ultime settimane, in provincia di Imperia pare si siano verificati molti casi di morbillo, con alcuni contagi avvenuti anche in ospedale; in totale sarebbero 4 i casi diagnosticati poco prima di Natale, e tutti nei reparti di Ostetricia-Ginecologia dell’ospedale di Sanremo. Intervenuto Mario Cuccia, responsabile del servizio Epidemiologia dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania il quale ha dichiarato che in atto ci sarebbe un’epidemia di morbillo che ha picchi più alti del solito ed è più prolungata nel tempo e che tende a colpire non soltanto l’infanzia ma anche gli adulti.

“Dall’inizio dell’anno in città abbiamo avuto 165 casi, numeri inconsueti e molto alti che sono legati alle mancate vaccinazioni. Ci sono anche casi di persone vaccinate, ma sono pochi e il quadro clinico è molto più lieve. Si è alzata anche l’età media che si attesta intorno ai 23 anni, con casi limiti che sono un bambino di pochi mesi e un 59enne. Non è più una malattia dell’infanzia”. “L’unica strada è la prevenzione, e quindi i vaccini”, ha aggiunto ancora Cuccia.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *