Home / Salute / Sclerosi multipla: 80mila euro per curare un paziente grave, ora l’Aism lancia allarme

Sclerosi multipla: 80mila euro per curare un paziente grave, ora l’Aism lancia allarme

Nel rapporto sulla diffusione e costi della sclerosi multipla in Italia che è stato redatto dall’Aism sono contenute le cifre su quello che è il peso sociale di questa grave malattia. L’Aism ha lanciato un preciso allarme sul moltiplicarsi dei costi a cui non fa fronte un congruo aumento di quelle che sono le risorse messe in campo dello Stato. Considerando tutte le fasi della malattia e includendo quello che è il costo dei farmaci necessari per curare la sclerosi multipla, l’Aism ha calcolato che il costo medio delle cure è stimabile in 40 mila euro. Si tratta di una cifra media perchè la sclerosi multipla, essendo una malattia degenerativa, ha un minore impatto sulle tasche nei primi anni di diffusione per poi aumentare progressivamente. Si passa così da 15mila euro necessari nel primo stadio a ben 80mila euro nello stadio più avanzato.

E’ una cifra spaventosa che è a carico del Sistema Sanitario Nazionale ma che non può non suscitare preoccupazione nella famiglie del malato che spesso si dissanguano economicamente parlando per cercare di fornire tutto quello di cui il malato congiunto ha necessità per provare a convivere con la malattia.

La parte da leone  sul totale dei costi la fanno i farmaci ma anche le cure riabilitative hanno un forte impatto che non è trascurabile. Tutte le fasi relative alla fisioterapia, infatti, sono molto costose e secondo l’Aism tanti non riescono ad avere accesso ad un servizio che non è completo ed efficiente. Tutto questo, chiaramente, finisce con il gravare sulle famiglie già provate dal dolore per la malattia del congiunto.

I centri specifici per assistere i malati di sclerosi multipla in Italia sono 249 e sono distribuiti su tutto il territorio nazionale. Al loro interno sono presenti sia sezioni dedicate alla sperimentazione di nuove terapie che aree per la riabilitazione. Non tutti i malati di sclerosi multipla, però, fanno riferimento a tali centri perchè ben il 30% segue strade alternative.

Loading...