Home / Salute / Sigarette elettroniche – Per l’Istituto superiore di sanità non sono innocue

Sigarette elettroniche – Per l’Istituto superiore di sanità non sono innocue

sigaretta-elettronica

In questi giorni si è tornato duramente a discutere sugli effetti delle sigarette elettroniche, le e – cig, un prodotto che nel giro di poco tempo ha invaso il mercato dei tabacchi restringendo il dominio di quelle tradizionali e cambiando radicalmente le abitudini di molti fumatori. Le sigarette elettroniche, infatti, sebbene non ancora formalmente e ufficialmente autorizzate come cura dal Ministero della Sanità, sono state generalmente considerate da molti tabagisti come una possibile alternativa alle sigarette a base di tabacco, se non a volte quasi come una sorta di terapia per smettere di fumare. 

> Sigarette elettroniche, cancellato il divieto di fumo nei luoghi pubblici

Ma proprio di recente l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha riportato alla luce il problema delle sigarette elettroniche, e seguendo un approccio di tipo rigoroso, ha raccomandato alle autorità nazionali di vietare la vendita delle e – cig ai minorenni e di non permettere che siano utilizzate in luoghi chiusi, perché potrebbero avere sulla salute effetti ugualmente nocivi quanto il fumo passivo.

> Possibile aumento delle tasse sulle sigarette da luglio 2014

La posizione dell’OMS, tuttavia, è stata di recente criticata dal famoso cardiologo Umberto Veronesi, che ha trovato eccessiva la chiusura dell’Organizzazione nei confronti di queste ultime. Quasi subito però è intervenuto nella questione, ormai un vero e porprio caso, anche l’Istituto Superiore di Sanità,  il quale si è schierato convintamente dalla parte dell’OMS.

L’Istituto Superiore di Sanità ha infatti affermato che le sigarette elettroniche non sono innocue come si tende a pensare e che le autorità mondiali dovrebbero basare le loro affermazioni solo sull’evidenza scientifica. Il fatto che facciano smettere di fumare, infatti, non è ancora stato dimostrato, mentre proprio l’ISS ha invece cominciato a dimostrare i loro effetti dannosi sulla salute.