I sintomi della Pitiriasi rosea di Gibert

12 aprile 2014 17:530 commentiDi:

Medici 08

La Pitiriasi rosea o Pitiriasi rosea di Gibert, dal nome del suo scopritore, è una malattia dermatologica piuttosto comune ma per fortuna benigna. Si tratta di una dermatosi, che in alcuni casi può passare senza notevoli disturbi, in altri casi può arrecare una serie di noiosi fastidi.In questo post vogliamo capire quali possono essere i segni e sintomi che indicano la presenza di questa patologia della pelle. 

I sintomi della Pitiriasi rosea di Gibert

La Pitiriasi rosea di Gibert di norma ha sempre origine dalla presenza di una prima lesione o macchia sulla pelle, che viene chiamata macchia madre, la cui comparsa in un punto del corpo viene poi seguita 1 o 2 settimane dopo dalla comparsa di altre macchie figlie, collocate su varie zone del corpo, la cui durata è di circa 6 settimane.

Per quanto riguarda la macchia madre, la sua grandezza oscilla tra i 2 e i 10 cm di diametro e compare in genere sull’addome o su un altro punto nascosto del corpo. In alcuni casi molto rari potrebbe però anche non comparire.

Vi sono però anche altri sintomi. Il 69 per cento dei pazienti colpiti da questa malattia accusa ad esempio la presenza di una infezione del tratto respiratorio superiore.

Dopo la comparsa della macchia madre, nel giro di 7 o 14 giorni, molte macchie di diametro inferiore, di colore rosa o rosso, compaiono sul torso, la parte superiore del corpo. Le zone per lo più interessate sono addome, schiena e collo e la disposizione delle macchie può in genere seguire la famosa figura ad “albero di natale”.

La dermatosi provoca inoltre una sensazione di prurito correlato con la presenza delle macchie sulla pelle, ma la sua intensità può andare da lieve a forte a seconda dei soggetti e del trattamento che si riserva alla cute. E’ necessario evitare di grattare le lesioni e utilizzare detergenti aggressivi.

L’eruzione cutanea può essere infine accompagnata da stanchezza, cefalea, bassa febbre, nausea.

Tags:

Lascia una risposta