Sintomi ebola, come si manifesta il virus

10 ottobre 2014 16:200 commentiDi:

ospedali

In queste ultime ore la minaccia dell’ebola sembra essere diventata di colpo più vicina e reale anche per l’Italia. Il virus che da mesi infesta l’Africa occidentale è infatti giunto in Europa, dove ha colpito le prime vittime. La febbre emorragica per cui al momento non esiste ancora una cura, ma solo un vaccino sperimentale della durata di diversi mesi, è arrivato nel cuore del Vecchio Continente, scatenando una corsa alle misure anti – contagio da parte dei paesi UE, che hanno deciso per la prima volta di effettuare controlli della temperatura sui pazienti in arrivo negli aeroporti. 

Ebola in Italia è arrivata? Le ultime notizie tra verità e bufale

L’unico modo per prevenire l’ebola al momento è purtroppo quello di agire con tempestività sui sintomi. Sintomi dai quali è possibile evincere una diagnosi e quindi un possibile, efficace, metodo di contrasto. Vediamo quindi in che modo si manifesta il virus ebola.

 

Come si manifesta il virus ebola – Sintomi

I sintomi della febbre emorragica che va sotto il nome di ebola si dividono in realtà in tre categorie:

  • sintomi più comuni
  • sintomi manifestabili
  • sintomi da decorso della malattia.

I sintomi più comuni del virus ebola, che possiamo anche più semplicemente chiamare primi sintomi possono quindi essere riconosciuti in:

  • febbre
  • senso di debolezza
  • dolori ossei
  • dolori muscolari
  • diarrea
  • vomito
  • inappetenza – perdita di appetito
  • mal di stomaco.

Questi sintomi sono soliti comparire tra i 2 ai 21 giorni dal momento del contagio.

I sintomi manifestabili sono invece:

  • tosse
  • mal di gola
  • singhiozzo
  • rash cutaneo
  • congiuntivite
  • sanguinamento esterno e interno
  • difficoltà respiratorie o di deglutizione.

Infine i sintomi tipici del decorso della malattia, che si manifestano dal 3 al 21 giorno prima del decesso, sono:

  • itterizia
  • delirio
  • convulsioni
  • sanguinamento – perdite ematiche di tipo grave ed emorragie
  • shock.
Tags:

Lascia una risposta