Home / Salute / Sofosbuvir, farmaco anti epatite C più accessibile

Sofosbuvir, farmaco anti epatite C più accessibile

Via libera alla somministrazione del Sofosbuvir (nome commerciale Sovaldi), il cd super farmaco contro l’ epatite C. Da qualche mese circolava la notizia delle potenzialità di questo medicinale molto atteso e del suo miracoloso principio attivo. L’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ha dovuto trattare con il produttore, la Gilead Siences, per poter rendere il farmaco il più accessibile possibile.

EPATITE, L’ITALIA PUO’ PERMETTERSI LA CURA DAL COSTO PROIBITIVO

A rallentarne l’immissione sul mercato è stata finora la necessità di ingenti coperture finanziarie. E in effetti quello economico rappresenta ancora adesso un ostacolo grande tanto che il farmaco, in questa prima fase sperimentale, sarà concesso solo ai malati veramente gravi, ovvero quelli a un passo dal trapianto o dal decesso. La notizia è comunque di rilievo: il Sofosbuvir promette di sconfiggere il virus in pochi mesi. Un risultato sorprendente visto che le terapie attuali possono impiegare anche mesi prima di avere successo. Solo in Italia servirebbero 40.000 euro per ogni ciclo di cura col nuovo farmaco. Insomma il farmaco anti epatite c ha un costo non indifferente.

Per questo l’uso al momento viene limitato solo ai casi più gravi. Il Governo ha stanziato 1,5 miliardi di euro per i prossimi due anni, grazie alla Legge di Stabilità. La speranza è quella di recuperare questa cifra dalla guarigione delle persone che ricevono la cura. Anche l’assistenza dei malati infatti indubbiamente ha dei costi che in questo caso si risparmiano. Al momento però è stata mantenuta massima riservatezza sul prezzo finale del medicinale anche se si parla di uno “sconto obbligatorio alle Strutture pubbliche come da condizioni negoziali”.

Questo silenzio lascia pensare che l’Italia sia riuscita a strappare un buon prezzo che evidentemente l’azienda non vuole rendere noto agli altri Paesi interessati al superfarmaco anti epatite. Nella Gazzetta Ufficiale viene pubblicato invece il prezzo di vendita al pubblico, cioè per chi è ricco tanto da poterselo permettere e non vuole aspettare di essere chiamato dalla Asl ma vuole curarsi subito. Parliamo di cifre esorbitanti: 74.286 euro per un ciclo terapeutico completo, della durata di 12 settimane.