Stop ai ticket dal 2014 con la riforma Balduzzi

31 luglio 2012 10:000 commenti

Stop ai ticket a partire dal 2014: è quanto emerge dalla proposta del Ministro della Sanità Renato Balduzzi. L’attuale ticket sui farmaci potrebbe essere sostituito dal 2014 da un meccanismo che sarebbe legato al reddito.

Secondo Balduzzi dovrebbe essere introdotta una franchigia fino al raggiungimento della quale si paga in base al reddito personale: una volta superata la franchigia stabilita, il servizio sarebbe gratuito. Secondo Balduzzi questo è l’unico modo per evitare che a partire dal 2014 scattino i 2 miliardi di ticket aggiuntivi previsti dal precedente governo.

Il ministro è chiaro sul fatto che i due miliardi non saranno sostenibili per il sistema sanitario nazionale: inoltre l’attuale sistema dei ticket non brilla certo per “equità, trasparenza e omogeneità sul territorio”. La parola d’ordine è eliminare lo spreco nel sistema organizzativo a tutti i livelli partendo da nuovi criteri. Naturalmente secondo il ministro i servizi devono rimanere invariati e l’unico modo per farlo è rendere sempre più efficiente il traballante sistema sanitario nazionale.

FARMACI GRIFFATI VIETATI DALLA SPENDING REVIEW

Intanto dopo le proteste dei giorni scorsi, cambia la contestata norma della spending review relativa ai farmaci griffati: inizialmente era stato proposto di indicare semplicemente il principio attivo del farmaco, adesso secondo il maxi emendamento il medico “ha facoltà” di indicare nella ricetta il nome del farmaco di una particolare marca. Tornano i farmaci griffati e in questo modo la prescrizione resta vincolante per il farmacista e il medico si assume la responsabilità del farmaco esatto prescritto. Fra le novità della riforma Balduzzi anche l’obbligo dei medici di fornire assistenza 24 ore su 24 ai cittadini.

Tags:

Lascia una risposta