Home / Salute / Studi in corso e vaccini con le cellule staminali

Studi in corso e vaccini con le cellule staminali

ricerca

Le staminali sono cellule primitive non specializzate presenti nel corpo umano che hanno la facoltà di dividersi un numero infinito e indefinito di volte, per poi maturare e specializzarsi per ricoprire una determinata funzione all’interno del tessuto di un corpo.

> Dieci fatti da conoscere sui trattamenti con le cellule staminali

Grazie a questa loro capacità le staminali sono oggi impiegate come cura regolare di circa settanta patologie che altrimenti sarebbero mortali e vengono utilizzate anche per ricostituire la pelle e la cute.

> Cellule staminali adulte, l’alternativa possibile alle cellule staminali embrionali

Sulle cellule staminali sono oggi concentrati una serie di importanti studi che intendono sviluppare il loro utilizzo in merito a patologie relative al cuore, ai reni o al cervello. Le ultime statistiche rilevano ad esempio che sulle cellule staminali sono attualmente in corso più di 1700 sperimentazioni umane, di cui 480 in europa e 91 in Italia, ma anche in Germania e Francia.

Gli studi più numerosi sono quelli rivolti al campo ematologico, come linfomi, leucemie e disordini del sangue insieme a malattie del midollo osseo. Al secondo posto nelle sperimentazioni si trovano poi le malattie autoimmuni e quelle neurologiche, come le malattie del sistema nervoso centrale, l’ictus e le diverse neoplasie, ma anche patologie che interessano il sistema cardiaco. Sono rappresentate anche patologie oncologiche e diabete, ma pure malattie del fegato e del sistema gastro – intestinale.

Gli studi in corso sono quindi ad ampio spettro, ma prima di essere somministrate ad un essere umano a scopo terapeutico le cellule staminali devono rispondere attraverso le sperimentazioni a tre domande fondamentali:

  • le cellule staminali sono sicure? Ovvero deve essere verificato che le cellule non si moltiplichino come quelle del cancro in modo incontrollabile
  • Funzionano allo scopo, cioè riparano veramente il tessuto per cui sono state create?
  • Esistono in medicina altre terapie più efficaci di queste?
Loading...