Sviluppato lo sperma artificiale

7 gennaio 2012 09:400 commenti

I risultati di una recente ricerca potrebbero dare nuove speranze agli uomini che subiscono disturbi di fertilità.

Un gruppo di ricercatori tedeschi dell’Università di Muenster hanno sviluppato il primo sperma artificiale al mondo, una scoperta scientifica che sarebbe capace di aprire la porta a nuovi trattamenti contro l’infertilità maschile.

Gli scienziati hanno utilizzato le ormai notissime cellule staminali, in particolare quelle che danno origine ai gameti maschili e femminili, ovvero gli spermatozoi e gli ovuli rispettivamente.

Attraverso la potenzialità germinativa di queste cellule staminali, i ricercatori tedeschi sono riusciti a riprodurre in condizioni di laboratorio, degli spermatozoi artificiali, che potrebbero utilizzarsi in rimpiazzo di quelli naturali per la fecondazione in vitro.

Per adesso però, pur essendo molto promettente, si tratta di una soluzione che ancora è in via di sperimentazione.

Lo studio è stato condotto su modello murino, e in questa specie lo sperma artificiale ha dato ottimi risultati. Per la sintesi di questo sperma, gli scienziati si sono serviti di un gruppo di cellule staminali presente nei testicoli, immerse in una soluzione molto particolare che ha fatto si diventassero veri e propri spermatozoi. Il liquido seminale così elaborato si è dimostrato vitale, ossia capace di fecondare gli ovuli, e privo di danni genetici.

Le fasi attuali della sperimentazione coinvolgono lo sviluppo di sperma umano. Secondo le parole di uno dei ricercatori, Mahmoud Huleihel,

“Abbiamo già applicato gli stessi metodi utilizzando cellule umane, finora senza successo: tuttavia, siamo fiduciosi nel fatto che se la tecnica funziona con un mammifero come il topo può farlo anche nell’uomo”.

Se gli scienziati riescono a dimostrare le loro premesse, diventerà possibile un giorno ricavare lo sperma anche dagli uomini infertili per la fecondazione artificiale, eliminando l’attuale necessità di ricorrere a un donatore.

Tags:

Lascia una risposta