Ticket più alti e ospedali a rischio a causa dei tagli alla sanità

5 dicembre 2012 17:170 commentiDi:

Ormai da due anni, ovvero dalla manovra di Tremonti effettuata nel 2011, sono in corso una serie di interventi finanziari che colpiscono il settore della sanità pubblica. Altri interventi, complementari a quelli previsti dalla spending review e dalla legge di Stabilità, sono attesi anche per gli anni a venire, e nel complesso sottrarranno da qui al 2014 circa 14 miliardi.

Per Monti bisogna riformare la sanità pubblica

Secondo l’Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, che ha presentato il decimo rapporto «Ospedali e Salute», se continueranno ad essere operati tagli nel confronto del settore non potranno più essere garantiti i livelli essenziali di assistenza, cioè quelle prestazioni che le Regioni devono dispensare ai cittadini gratuitamente.

Monti chiarisce che la sanità non sarà privatizzata

Inoltre potrebbero profilarsi enormi difficoltà per le cliniche che svolgono la loro attività in convenzione con la sanità pubblica, per le quali, sotto una certa soglia, ci sarebbe la necessità di rivedere gli organici e di riorganizzare le strutture interne. Un altro punto critico è rappresentato poi dal costo finale per gli utenti attraverso il ticket.

Quanto spendono le persone per la salute?

Le manovre non potranno far altro che far lievitare ulteriormente il costo dei servizi sanitari per i cittadini, che si troveranno ad un usufruire di un servizio non più così “universalistico” come era stato pensato in origine nel 1978.

Tags:

Lascia una risposta