Home / Salute / Torna l’influenza suina, la H1N1 è immune al vaccino

Torna l’influenza suina, la H1N1 è immune al vaccino

A febbraio è atteso un nuovo picco di influenza stagionale, un ceppo però diverso da quello che ha costretto a letto molte persone a dicembre, in concomitanza con le vacanze di Natale. A destare allarme è il fatto che il virus rientra nell’influenza suina. Già il solo nome basta a generare panico ricordando le esperienze passate: ma è veramente il caso di preoccuparsi? In realtà no, anche se non vanno assolutamente trascurati i sintomi o preso con leggerezza il contagio. Se ci sia ammala, è sempre meglio stare cautelati: questa è il primo consiglio che viene sempre dato dai medici.

INFLUENZA 2015: TORNA LA SUINA

In termini di numeri l’influenza di suina farà verosimilmente molte vittime, quasi sicuramente più del virus di fine anno. E tra le persone più a rischio ci sono proprio coloro che hanno fatto il vaccino influenzale: queste ultime infatti possono pensare di essere al riparo e quindi trascurare situazioni di rischio e invece, come hanno precisato gli esperti microbiologi, A H1N1 non è coperta dal vaccino anti influenza 2014/2015. Questo ceppo infatti mostra differenze genetiche importanti con l’ A/H3N2.

Peraltro si teme anche per la diffusione di un virus appartenente a questo ultimo ceppo ma in una variante particolare non coperta dal vaccino. Anche in questo caso quindi i vaccinati restano a rischio. Detto ciò comunque non è il caso di creare allarmismi: i medici rassicurano sulla pericolosità di questa influenza in arrivo da USA e nord Europa che troppo spesso viene sopravvalutata.

Fermo restando quindi che sussiste l’esigenza di controllare la situazione epidemica influenzale, non è il caso di esagerare posto che esistono in circolazione virus respiratori ben più pericolosi, soprattutto per i bambini (vedi ad esempio il sinciziale). Il consiglio quindi è quello di non prendere sotto gamba l’imminente influenza, che a febbraio dovrebbe raggiungere il picco massimo, ma senza per questo perdere lucidità. Da tenere sotto controllo soprattutto anziani e bambini o persone a rischio di complicazioni polmonari e respiratorie.

A COSA SERVE IL VACCINO PER L’INFLUENZA?

 

Loading...