Home / Salute / Tumore alla mammella: #fatelevedere della Lilt diventa una web app per sensibilizzare

Tumore alla mammella: #fatelevedere della Lilt diventa una web app per sensibilizzare

Dall’hashtag #fetelevedere alla web app fatelevedere.it il passo è stato decisamente breve e per questo motivo la Lilt, Lega Italiana Contro i Tumori, ha deciso di fare del seno delle donne italiane il testimonial della campagna nazionale contro il tumore alla mammella. Per tutto il mese di ottobre i volontari della Lilt, associazione onlus che vanta una capillare organizzazione e ramificazione su tutto il territorio nazionale, hanno fornito indicazioni alle migliaia di donne italiane che hanno chiesto delucidazioni in merito alla proceduta da seguire per tenere sotto controllo lo stato di salute del proprio seno.  Non è il primo anno che la Lilt fornisce questo genere di consulenza e se tanti passi in avanti sono stati fatti nella lotta contro questa forma di tumore, lo si deve anche alle campagne di sensibilizzazione dell’associazione.

Fatelevedere.it si inserisce proprio all’interno di questo contesto. Grazie a questa web app, infatti, è possibile avere tutti gli strumenti per editare e caricare sui social la foto del proprio seno in bianco e nero e rigidamente velato con la scritta #fatelevedere. L’obiettivo di questa campagna che parte dal basso è quello di creare un meccanismo virtuoso che porti le conoscenti delle donne che fotografano il proprio seno a fare altrettanto. Una sorta di catena, quindi, il cui obiettivo ultimo è far parlare e spargere la voce.

In casa Lilt, dopo le polemiche interne che erano scaturite tempo fa dalla decisione di nominare Anna Tatangelo come testimonial di questa iniziativa, c’è molta fiducia sulla riuscita della nuova campagna che vede le dirette protagoniste in prima linea.

Il tumore al seno è attualmente una delle malattie che più colpiscono le donne. In particolare, in base agli ultimi dati, è stata rilevata una incidenza molto forte tra le donne che hanno meno di 49 anni e più di 40 anni. Si tratta di una fascia che non rientra nei programmi di screening mammografico. Per questo è importante parlare a queste donne giovani.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *