Una cura per la leucemia diversa dalla chemio

13 dicembre 2012 12:140 commentiDi:

La chemioterapia è stata fino ad oggi la terapia più utilizzata in caso di leucemia, patologia che si manifesta attraverso una serie di forme, che possono tuttavia prevedere anche interventi diversi.

Più attenzione per i disturbi da chemioterapia

Ora uno studio italo-tedesco dimostra che è possibile curare una delle forme più rare e aggressive di leucemia, quella promielocitica, senza sottoporsi alla chemio. Lo studio in questione è stato recentemente presentato al Congresso della Società Americana di Ematologia (Ash) ed ha coinvolto 40 centri italiani afferenti al GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto) e 27 ospedali tedeschi.


Fino ad oggi la leucemia promielocitica veniva curata con una combinazione di  chemioterapia e acido retinoico (un derivato della vitamina A), ma cagionava ai pazienti pesanti effetti collaterali. La nuova terapia è basata invece su una combinazione di acido retinoico e arsenico e, stando ai dati forniti dai ricercatori, ha dato risultati positivi nel 98% casi, assicurando la sopravvivenza agli ammalati.

► Leucemia sconfitta grazie a cellule HIV riprogrammate

Negli ultimi tempi si è scoperto infatti che il triossido di arsenico poteva avere una particolare efficacia proprio nella cura della leucemia,offrendo al tempo stesso il vantaggio di una maggiore tollerabilità da parte dei pazienti, che vengono ad essere liberati dai debilitanti effetti collaterali della chemioterapia, come immunosoppressione, infezioni, perdita di capelli, nausea e vomito.






Tags:

Lascia una risposta