Home / Salute / Vado, partorisco e dopo 6 ore torno: boom di richieste a Firenze per la degenza lampo dopo il parto

Vado, partorisco e dopo 6 ore torno: boom di richieste a Firenze per la degenza lampo dopo il parto

Un progetto sperimentale sta prendendo vita a Firenze e lo sta facendo con una velocità pazzesca grazie al boom di richieste ricevuto dall’ospedale Torregalli di Firenze: il progetto è rivolto solo ed esclusivamente a tutte quelle mamme che abbiano già avuto un figlio con parto naturale e riguarda la degenza lampo: non più i 2-3 giorni canonici dopo il parto che si usano oggi, bensì solo 6 ore di degenza e poi, dopo gli ultimi controlli, mamma e figlio possono essere subito dimessi. 

Ovviamente, prima della dimissione dopo il parto, sia la mamma sia il bambino dovranno stare in perfette condizioni di salute, dovranno passare indenni gli ultimi controlli, ma soprattutto durante i 9 mesi della gravidanza non deve essere sorto nessun tipo di problema. Ciò consentirà alle mamme sane di affrontare degenze brevi, agli ospedali di liberare posti letto e alle medicalizzazioni inutili e superflue di essere ridotte drasticamente.

Per ora il progetto è in fase sperimentale solo al Torregalli di Firenze, ma il piano potrebbe estendersi anche in altri centri. Il progetto, lo ribadiamo, è in fase sperimentale, e prima di lanciarlo in via definitiva si vuole attendere che non sorgano complicazioni e che fili tutto liscio.

Il direttore del dipartimento materno infantile dell’azienda sanitaria di Firenze, Marco Pezzati, ha affermato che sono molte le richieste ricevute, però “le richieste che sono state soddisfatte sono solo poco più di una decina, visto che i requisiti sono molto restrittivi. Prima di alleggerire tali requisiti, vogliamo avere l’assoluta consapevolezza che la procedura avviata in fase sperimentale regga bene”. Inoltre, informa Pezzati, dopo le dimissioni, sia la mamma sia il figlio continuano a seguire le necessarie attenzioni, con visite di controllo e appuntamenti prestabiliti prima ancora delle dimissioni.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *