Via libera al decreto sulle cellule staminali

22 maggio 2013 17:480 commenti

cellule-staminali-jpegAnche il Senato ha dato il ‘via libera’ al decreto sulle staminali. L’esito del voto è stato il seguente: 259 sì, 2 no e 6 astenuti.

Adesso il provvedimento è legge. Il ‘benestare’ al testo permette a chi ha già avviato le terapie con il metodo Stamina di proseguirle, ma soprattutto contempla l’avvio della sperimentazione di diciotto mesi: per essa vengono finanziati 3 milioni di euro in due anni.

La legge sposta inoltre al primo aprile 2014 la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari.

Due giorni fa la Camera aveva espresso parere positivo sul decreto, approvandolo col 504 sì e un solo voto contrario e quattro astensioni.

La reazione di Vannoni


Il fondatore di Stamina Vannoni, in seguito alla notizia, ha dichiarato: “Siamo disponibili alla sperimentazione, ovviamente se viene mantenuto quello che è stato detto alla Camera, e cioè che Stamina potrà mettere i necessari paletti perché la metodica non venga cambiata”

Vannoni ha poi aggiunto: “Ci saranno tutta una serie di indicazioni e di valutazioni che raccoglieremo dal ministero della Salute e che proporremo noi nell’ottica di trovare un punto di accordo nel quadro della legge approvata. Nell’insieme, però, esprimo pienamente il mio rammarico perché il testo che è diventato legge, al contrario di quello che era stato votato all’unanimità dal Senato inizialmente, risponde più all’interesse della comunità scientifica italiana e della burocrazia e non assolutamente alle esigenze dei pazienti”.

In conclusione, pare che la sperimentazione, così come è stata definita dalla legge, sia possibile solo su un centinaio di pazienti. Una cifra assai lontana dai 18mila che avevano fatto la richiesta”.






Tags:

Lascia una risposta