Home / Salute / Zanzare: zanzamapp l’app scacciazanzare ora crea una bancadati

Zanzare: zanzamapp l’app scacciazanzare ora crea una bancadati

Un’app per monitorare la diffusione delle zanzare nelle singole zona di una città è stata creata dall’Università la Sapienza di Roma. Il ricercatore che è riuscito a mettere a punto questa applicazione scacciazanzare è stato il dottore Cesare Bianchi che è riuscito a trasformare in una applicazione compatibile con Android, iOS, Windows Phone e anche PC, la sua idea di creare un mezzo per sapere, in anticipo, se in una certa zona ci  sua una più o meno alta concentrazione di zanzare. Il dottor Bianchi, partendo da alcune semplice intuizioni, ha creato, in collaborazione con il dipartimento di Fisica e di Sanità Pubblica e Malattie Infettive e start-up GH, zanzamapp e si è detto certo del successo di questa applicazione soprattutto alla luce dell’approssimarsi dell’estate che è la stagione più caratterizzata dalla presenza di zanzare.

Il meccanismo di funzionamento dell’app è molto semplice. Ciascun utente, infatti, può segnalare la presenza di zanzare in una data zona indicando anche tutta una serie di informazioni aggiuntive come l’orario di rilevazione o il tipo di zanzara presente oltre ad allegare anche una fotografia dell’insetto. La segnalazione caricata dal singolo utente sarà poi visibile da tutti gli altri utenti generando, in questo modo, un virtuoso meccanismo virale che avrà come beneficio diretto quello di avere a disposizione una sorta di bancadati condivisa.

A lungo andare, ZanzaMapp permetterà di avere una precisa mappatura di intere zone. In questo modo chi è esposto a problemi particolari di salute in caso di pizzico di questo fastidioso insetto, saprà in anticipo se sia o meno il caso di recarsi in alcune specifiche zone della città. L’applicazione che mappa le zanzare è completamente noprofit e questo è un altro punto a favore di una scoperta che è nata completamente per caso ma che potrebbe essere un alleato in più nella campagne di disinfestazione che vengono effettuati, in alcune zone d’Italia esposte al problema, dagli enti pubblici.

Loading...