Antonio Conte deferito per omessa denuncia

26 luglio 2012 11:510 commenti

Antonio Conte è stata deferito dalla Procura Federale della Figc per omessa denuncia nell’ambito dell’inchiesta di Cremona.

L’allenatore della Juventus sarà convocato dalla Commissione disciplinare il prossimo 2 agosto a Roma: il suo nome era finito nell’inchiesta sul Calcioscommesse lo scorso aprile con accuse molto pesanti. Il nome di Conte era stato fatto da Filippo Carobbio, ex centrocampista del Siena, prima davanti procuratore federale Stefano Palazzi, lo scorso 29 febbraio, poi davanti al pm di Cremona Roberto Di Martino ad aprile.

Carobbio aveva dichiarato che Conte, all’epoca allenatore del Siena, sarebbe stato al corrente di una combine (nella partita Novara-Siena giocato il 1 maggio 2011, finita con il punteggio di 2-2). Conte era anche indagato per la partita Albinoleffe-Siena sempre del campionato 2010-11, ma la Procura non ha ritenuto di avere gli elementi necessari e sufficienti per accusare il tecnico bianconero per illecito sportivo.


Insomma Conte dovrebbe salvarsi dalla squalifica. Sono molti i nomi coinvolti nello scandalo del calcioscommesse e stamane sono stati resi noti gli altri provvedimenti. La Procura della Repubblica di Bari ha deferito per tentato illecito alla Commissione disciplinare Leonardo Bonucci, Andrea Masiello, Salvatore Masiello, Nicola Belmonte e Alessandro Parisi, all’epoca calciatori del Bari.

ANTONIO CONTE COINVOLTO NEL CALCIOSCOMMESSE

Deferiti per omessa denuncia anche Simone Pepe, all’epoca dei fatti calciatore tesserato dell’Udinese (per la gara Udinese-Bari del 9 maggio 2010) e Marco Di Vaio, ex attaccante del Bologna ora in Canada.

A rischiare sono anche le squadre del Lecce e del Grosseto, entrambe indagate per responsabilità diretta e che rischiano la retrocessione. Il Siena rischia invece una penalizzazione per responsabilità oggettiva. Per quanto riguarda la serie A Udinese, Bologna, Sampdoria e Torino sono state deferite per responsabilità oggettiva. Deferitr anche ALbinoLeffe, Ancona, Bari, Novara, Portogruaro e Varese.






Tags:

Lascia una risposta