Home / Sport / Benitez, veleno contro l’Inter: Mi promisero 3 giocatori, mai arrivati

Benitez, veleno contro l’Inter: Mi promisero 3 giocatori, mai arrivati

A cinque anni dalla separazione tra Rafa Benitez e l’Inter, l’allenatore spagnolo ha ancora del veleno da sputare nei confronti della società nerazzurra. Era l’epoca del dopo Mourinho e nonostante i due trofei vinti – tra cui la Coppa del Mondo per club – il rapporto tra Moratti e Benitez non fu mai idilliaco, tanto da portare a un divorzio con tutte le dovute conseguenze del caso. Benitez, ancora oggi, parla di quella sua breve esperienza, e lo fa utilizzando fiele al posto del miele. 

A Radio Onda Cero, infatti, Benitez ha ricordato la sua esperienza negativa all’Inter: “L’Inter mi promise l’acquisto di 3 calciatori, avevo la loro parola. I 3 calciatori erano Kuyt, Mascherano ed Evra, ma non arrivò nessuno dei tre. Le promesse non vennero mantenute”.

Un giocatore come Mascherano, rivela Benitez, fu vicino anche al Napoli, ma alla fine non arrivò. E l’allenatore spagnolo risponde anche alle accuse di essere un difensivista, visto che a parlare sono i numeri di Napoli, Liverpool e Chelsea, in prevalenza le reti segnate.

L’esperienza al Real Madrid è di quelle da cardiopalma e lo sa bene qualunque allenatore che si è seduto sulla panchina dei Blancos: ne sa qualcosa Ancelotti, che dopo aver vinto una Coppa dei Campioni, l’anno seguente fu criticato per le scarse prestazioni della squadra dovute probabilmente a un calo fisiologico. “Sono sorpreso dall’ingente numero di storie che vengono inventate”, ha tentato di rassicurare Benitez sui buoni rapporti nello spogliatoio del Real Madrid. “L’atmosfera nel gruppo è serena e con i miei giocatori preferisco avere un dialogo costante”.

Nessun contrasto con Benzema e Cristiano Ronaldo, ma solo dialoghi serrati, mentre sulla questione calciomercato, tenta di spegnere il fuoco creatosi dalle voci su un interessamento da parte di diverse squadre nei confronti di Jesé: “Non è possibile gestire tutte le persone che ruotano intorno ai calciatori. Non dobbiamo gestire gli agenti, ma gli spogliatoi”.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *