Cassano può riprendere a giocare

3 aprile 2012 15:370 commenti

rientro in campo di FantantonioL’incubo è finito. Antonio Cassano potrà presto tornare sui campi di gioco, riprendendo a tutti gli effetti la propria carriera da calciatore professionista. L’ok definitivo per il ritorno all’attività agonistica è arrivato stamattina intorno alle 10.30, a seguito della visita sostenuta dall’attaccante barese presso l’Istituto di medicina dello sport di Milano della federazione medico-sportiva italiana, ove la commissione di esperti guidata dal professor Maurizio Casasco ha accertato la mancanza di ragioni cliniche per cui Fantantonio debba ancora rimanere lontano dai terreni di gioco: nessun problema al cuore, operato il 4 novembre scorso, e assenza di patologie in grado di provocare nuovamente il malore accusato ad ottobre.


Cinque mesi esatti. Tanto è passato da quel terribile 29 ottobre, giorno in cui Cassano si sente male all’aeroporto di Malpensa, di ritorno dalla trasferta nella capitale contro la Roma: problemi di equilibrio e alla vista, giramenti di testa e persino difficoltà di eloquio, tanto che i compagni di squadra pensano ad uno dei soliti scherzi di Antonio. Nessuna burla purtroppo: al Policlinico di Milano, dove Cassano rimarrà ricoverato per sette giorni, gli esami clinici chiariscono che si è trattato di un attacco ischemico dovuto ad una piccola malformazione cardiaca che va corretta. L’intervento al cuore del 4 novembre riesce perfettamente ed ha inizio una nuova difficile fase, quella caratterizzata dall’incertezza circa i tempi del recupero, che i medici stimano tra i 4 e i 6 mesi.

Ora è davvero finita e Cassano, già da oggi, riprenderà gli allenamenti aggregandosi alla Primavera rossonera assieme ai tanti compagni (Gattuso, Merkel, Strasser) che per problemi fisici non sono stati convocati per la trasferta di Champions a Barcellona. L’appuntamento con le grandi sfide è solo rimandato: c’è un finale di stagione con lo scudetto da ricucire sulla maglia e l’Europeo in Polonia e Ucraina, la grande occasione per mostrare, a se stesso e all’Italia intera, di essere tornato il campione di sempre.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta