Chiesto un punto di penalizzazione per il Napoli

11 dicembre 2012 13:220 commentiDi:

È arrivata la richiesta del procuratore federale Stefano Palazzi per il processo a calciopoli che si sta svolgendo all’hotel Parco dei Principi di Roma. A rischiare era, tra le grandi squadre, il Napoli e, tra i giocatori, Paolo Cannavaro e Grava della squadra partenopea. La richiesta è stata dura, un punto di penalizzazione al Napoli, più 100 mila Euro di multa, e nove mesi di squalifica per i due giocatori.

Il Napoli era stato deferito per responsabilità oggettiva rispetto alla combine nella partita contro la Sampdoria del 16 Maggio 2010 in cui è implicata l’ex portiere partenopeo Gianello. La combine è stata tentata ma non realizzata.

Il Napoli rischia la penalizzazione per il calcioscommesse

Gianello aveva affermato di avere ricevuto delle richieste per truccare la partita contro la Sampdoria. Doveva favorire la squadra ligure. Gianello ha anche raccontato di essersi rivolto a Paolo Cannavaro e a grava per organizzare la combine, ma di avere ricevuto un rifiuto chiaro.

Gianello aveva scelto di patteggiare, mentre la società ha rifiutato non riscontrando la responsabilità oggettiva. I due giocatori del Napoli sono accusati di omessa denuncia. Per palazzi, però, il Napoli ha una responsabilità oggettiva e i due giocatori hanno omesso la denuncia. Questa l’accusa e la proposta di condanna. Ora si aspetta il verdetto della Commissione Disciplinare che dovrebbe arrivare in giornata.

La società, intanto, risponde attraverso il suo amministratore delegato Andrea Chiavelli affermando: “L’attuale società Calcio Napoli – ha rilevato il dirigente ai giudici della Commissione Disciplinare – ha solo 8 anni di vita e da quel momento ha compiuto un percorso sempre improntato sulla trasparenza e a comportamenti e principi sani dello sport. E ha messo in atto una serie di comportamenti allineati a questi obiettivi che in pochi anni sono diventati un modello apprezzato non solo a livello nazionale ma anche internazionale”.

 

Tags:

Lascia una risposta