Come Schwazer aggirava il doping lo spiega Karolina

17 settembre 2014 15:530 commenti

Alex Schwazer, oro olimpico di Pechino 2008 nonché ex fidanzato di Carolina Kostner, ha ammesso di essersi dopato ma resta da capire per gli inquirenti e in giudice sportivo se le sue affermazioni si riferiscono al periodo precedente al 2008. La pattinatrice sarà l’ago della bilancia del processo.

kostner

In queste ore si sente parlare di nuovo di doping in relazione ad alcuni body builder che avrebbero spacciato sostanze dopanti in alcune province d’Italia. Ma il caso che maggiormente suscita interesse è quello di Schwazer che avrebbe accusato la ex fidanzata di averlo coperto mentre si dopava.

> Carolina Kostner parla di Alex Schwazer dopo lo scandalo doping

La Kostner ha deciso allora di dire la sua spiegando che quando il maratoneta lo andava a trovare, anche in Germania, portava con sé la tenda ipossica che serve per ridurre la quantità di ossigeno presente nell’aria. Questo macchinario, diceva il maratoneta, serviva a sostituire il soggiorno in montagna ma è severamente vietato dal ministero tricolore della salute.

> Doping: tra bodybuilder e caso Schwazer

La Kostner è stata accusata di averlo aiutato ad evadere i controlli antidoping. La pattinatrice ha confermato che in alcune occasioni, in particolare ne ha riferite tre, Schwazer era con lei ma la Kostner, ai controlli antidoping, diceva che non era con lei ma in un altro posto indicato come residenza o come luogo in cui Schwazer doveva essere reperibile.

Dichiarare di essere in un posto e poi essere da tutt’altra parte e negarsi quando i controlli vanno proprio da “tutt’altra parte”. Un gioco abbastanza semplice che la Kostner non riteneva interessante. Poi, per scagionare l’ex fidanzato, spiega che assumeva soltanto sali minerali e integratori, prima di un periodo di forte depressione. È da allora che ha dovuto stare sempre meglio.

Tags:

Lascia una risposta